LE VOSTRE RICERCHE

 

 Le prime forme di scrittura

 

La scrittura, determina il passaggio dalla preistoria alla storia, i primi a lasciarci testimonianze delle loro scritture sono gli egizi.

Gli egizi crearono un alfabeto formato da disegni e da simboli cuneiforme, la scrittura egizia prese il nome di scrittura geroglifica, e per molti anni, rimase incompresa dagli studiosi, solo a seguito del ritrovamento di una stele che prese poi il nome di rosetta che conteneva tre fasce, con la scrittura egizia, greca ed ebraica; i geroglifici furono tradotti, di fatti il greco e l’ebraico permisero agli archeologi di poter attribuire un significato ad ogni singolo geroglifico .

I Sumeri hanno lasciato impresse sull’argilla documenti di scrittura cuneiforme.

Inizialmente i Sumeri usavano la scrittura solo per riportare i numeri, usavano soltanto due simboli, che rappresentavano rispettivamente la decina e l’ unità.

Ciascun numero dall’ 1 al 59 era scritto con una combinazione di questi simboli, inventarono poi un sistema di numerazione dal 60 in poi distinguendo i due segni usando un sistema posizionale.

Di questo sistema rimangono segni nella suddivisione dell’ora in minuti e nella misurazione degli angoli.

E’ sicuro che l’alfabeto greco che noi conosciamo è di origine fenicia, lo dimostrano la rispondenza nella forma, nel valore e nell’ordine dei segni, l’iniziale andamento sinistrorso della scrittura, gli stessi nomi semitici delle lettere (alpha, beta ecc.); in greco l’alfabeto è detto “ta phoinikeia grammata” (le lettere fenicie), e un’iscrizione greca cretese conserva i termini “poinikazein e poinikastas” cioè “lo scrivere” e il funzionario che scrive” (o colui che colora di rosso lo scritto). A tali prove dirette se ne aggiunge una indiretta e cioè che non è mai stata trovata finora scrittura greca alfabetica su tavolette d’argilla, materiale disponibile in Grecia (usato spessissimo per la scrittura micenea), ma mai usato dai Fenici. I Greci non adottarono la scrittura fenicia per fini commerciali ma i primi documenti sono poesie. La caratteristica dell’alfabeto greco è quella di avere consonanti e vocali e non solo consonanti come quello fenicio.

 

 

 

 

Fig.1 esempio di geroglifico

fig.2 stele di rosetta

fig.3 lista dei re sumeri

 

 

fig. 4 esempio di scrittura greca

 

 

Da Anthony per il WL