Relazione libro

Titolo: La Lupa

Autore: Giovanni Verga

Genere: Novella Verista

Breve riassunto: La protagonista di questa novella è Gnà Pina, chiamata da tutti la Lupa, a causa del suo sguardo mai sazio di nulla.

La Lupa aveva una figlia di nome Maricchia, che nonostante avesse una buona dote, era sicura di non sposarsi perché era figlia della Lupa.

La Lupa si innamorò di un giovane di nome Nanni, che era tornato da poco da soldato.

Nanni però, chiese alla Lupa di sposare sua figlia Maricchia. Gnà Pina accettò e convinse con la forza la figlia a sposarlo.

Gnu Pina, rimase comunque a vivere a casa insieme agli sposi.

L’amore della Lupa per Nanni, aumentò di giorno in giorno, perché riuscì a conquistarlo.

Quando la figlia Maricchia lo venne a scoprire, denunciò la madre al maresciallo.

Nanni rischiò di morire a causa di un calcio preso da un mulo; quando guarì, si pentì e obbligò la Lupa ad andarsene di casa.

Gnà Pina non riusciva a dimenticare Nanni, e provò in tutti i modi a riconquistarlo.

Alla fine Nanni, dovette ucciderla.

Tempo della storia: Si svolge a Mineo. Località: in provincia di Catania. Il periodo va da una raccolta del grano all’altra.

Narratore: E’ esterno al racconto e non viene mai chiamato per nome.

Personaggi e caratteristiche:

Maricchia: era la figlia di Gnà Pina, era una brava e buona ragazza che credeva che nessuno l’avrebbe sposata.

Sposò Nanni per volere della madre.

Nanni: ragazzo del paese da poco tornato da soldato, di lui si innamora la Lupa, la uccide.

Stile: Di facile lettura, e i fatti sono narrati in ordine cronologico.

Parte che mi ha maggiormente colpito: Come l’amore che Gnà Pina prova nei confronti di Nanni, riesca a superare anche un vincolo, come  il matrimonio di Nanni e la figlia Maricchia.

Giudizio personale: Mi è piaciuto molto, perché racconta uno spaccato di  vita siciliana.

E anche perché è interessante e divertente.

  

Da Anthony per il WL